Il mercato delle scommesse in Italia

CR7

In Italia le scommesse sono un passatempo molto gettonato, soprattutto quelle sul calcio. Infatti, degli 11 miliardi spesi nel 2017, ben 8 risultano derivanti dallo sport preferito degli italiani, seguito dal tennis e dal basket. Le statistiche provengono dal Report Calcio 2018, realizzato dalla FIGC in collaborazione con AREL e PwC.

Perché il mercato continua a crescere?

Il mercato delle scommesse, in crescita continua negli ultimi anni, ha giovato molto della diffusione dei dispositivi mobili, che permettono ai giocatori una maggiore libertà rispetto agli anni in cui dovevano recarsi necessariamente in un punto vendita abilitato per piazzare le loro scommesse, limitate comunque ad eventi come le corse di cavalli e alcuni eventi legati al calcio. Oggi invece si può scommettere dai molti siti di gioco online, oppure scaricando delle app per avere sempre a disposizione pronostici e risultati, ma anche statistiche e suggerimenti di esperti. Non stupisce quindi che più della metà degli 8 miliardi spesi nelle scommesse sul calcio derivi da scommesse piazzate online, piuttosto che dalla raccolta fisica.

La regolamentazione del gioco online

Il mondo del gioco è molto cambiato con l’avvento delle nuove tecnologie, che hanno avuto anche effetti positivi sul controllo del gioco legale rispetto a quello clandestino. Oggi infatti gli operatori di gioco devono ottenere la licenza degli enti preposti, nel caso dell’Italia quella dell’AAMS, l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato. Questi enti si occupano di regolamentare il gioco e di fornire garanzie della legalità e sicurezza degli utenti. Le scommesse di oggi sono quindi non solo comode, ma anche sicure.

Su cosa scommettono gli italiani?

Le competizioni preferite dai giocatori sono la Serie A (1,2 miliardi di euro nel 2017) e la Champions League (472 milioni), ma anche le scommesse sulla Serie B che hanno raccolto 432 milioni. Nella top 10 delle competizioni che hanno ottenuto più puntate troviamo solo partite di calcio, con un’eccezione legata all’NBA americana. Andando nel particolare, i primi 50 eventi sportivi per raccolta sono esclusivamente partite di calcio.

Relevant news